Corsi

LA TUA SCELTA

57 corsi di formazione individuati

  • DLSPP- per Datori di Lavoro Rischio Basso

    Sicurezza sul lavoro e Qualità

    Formazione alla sicurezza sul Lavoro per Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione Datori di Lavoro Rischio Basso 16 ore (Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008, art. 34, comma 2)

    Destinatari/prerequisiti
    Questo corso, obbligatorio per tutti i datori di lavoro che intendono svolgere la funzione di Responsabile del Servizio di prevenzione e Protezione dei Rischi, si svolge in attuazione dell'art. 34 del D. Lgs. 81/2008 e dell'Accordo Stato Regioni del 21/12/2011.
  • Aggiornamento Primo Soccorso per aziende di gruppo B/C

    Sicurezza sul lavoro e Qualità

  • Aggiornamento Primo Soccorso per aziende di gruppo A

    Sicurezza sul lavoro e Qualità

  • Formazione generale e specifica per i lavoratori dei settori di Basso Rischio in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

    Sicurezza sul lavoro e Qualità

    Fornire la formazione obbligatoria in conformità al D. Lgs 81/08 e all’Accordo Stato Regioni 221 del 21/12/2011

    Destinatari/prerequisiti
    Il corso è rivolto a tutti i lavoratori con mansioni di ufficio di Aziende dei settori Uffici e Servizi, Commercio, Artigianato, Turismo o personale di altre aziende che non svolgono mansioni che comportano la loro presenza, anche saltuaria, nei reparti produttivi
  • Aggiornamento di 6 ore Formazione dei Lavoratori rischio Basso - Medio - Alto

    Sicurezza sul lavoro e Qualità

  • Aggiornamento di 6 ore per ASPP, RSPP e DLSPP rischio basso (Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008, art. 32 e 34)

    Sicurezza sul lavoro e Qualità

    Il percorso formativo di Aggiornamento necessario per il raggiungimento del monte ore da effettuarsi nel quinquennio, in coerenza con l'ordinamento vigente, è destinato sia a RSPP, che ad ASPP che a DLSPP. Sarà garantita la coerenza tra oggetto dell'intervento e potenziali destinatari.

  • ABILITAZIONE ALLA CONDUZIONE DI IMPIANTI TERMICI CIVILI DI POTENZA NOMINALE SUPERIORE A 200.000 KCAL/H (232KW)

    Creazione d'impresa Formazione di Verona Innovazione Professionalità specifica Ambientale Termo e Meccanico

    Corso organizzato dal nostro partner CSF A. Provolo per ottemperare al D.Lgs. n° 152 del 3 Aprile 2006 e s.m.i. che prevede, per le figure professionali che operano sulla conduzione degli impianti termici civili ad acqua calda aventi potenza termica nominale > di 232 kW ( alberghi, condomini, case di riposo, comunità, scuole ecc.) alimentati con qualsiasi combustibile, il possesso di un patentino di abilitazione. Scopo del corso è di preparare questi professionisti al conseguimento del titolo abilitativo che verrà rilasciato, a seguito del superamento dell’esame finale con commissione nominata dalla Regione del Veneto. Il percorso formativo è rispondente ai contenuti minimi stabiliti dalle "Linee guida per i percorsi abilitanti all'esercizio dell'attività di conduttore di impianti termici", approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome in data 25 maggio 2011. Elementi di termotecnica La combustione Tecniche di riscaldamento dell'acqua Caratteristiche e tipologie degli impianti termici Dispositivi di controllo e sicurezza Tecniche di regolazione dell'impianto Tecniche di controllo delle emissioni inquinanti Tecniche di analisi del consumo energetico Normativa di settore Elementi di manutenzione impianti termici

    Destinatari/prerequisiti
    Il corso è rivolto a: · Lavoratori Dipendenti o collaboratori di aziende con centrali termiche; · Titolari di attività autonoma nella conduzione degli impianti; · Disoccupati che desiderino intraprendere un percorso professionale con concreti sbocchi professionali; · Lavoratori che desiderino qualificarsi e riqualificarsi in un percorso che offre spazi di crescita professionale. E’ richiesto il diploma di Licenza media. Età superiore a 18 anni. Diploma di scuola secondaria di 1° grado (essere stati assolti o prosciolti dall'obbligo formativo). Per i cittadini stranieri valgono le regole sul riconoscimento dei titoli e la conoscenza della lingua italiana.